Chiara Loris Architect
ARTISTI AL MACELLO

Clicca sulle immagini per vederle ingrandite.
Riqualificazione e progettazione di un nuovo Centro di Cultura Creativa all'Ex Macello di Milano. L'edificio studiato è il Centro di Cultura Creativa comprensivo di un teatro sperimentale e una galleria espositiva con gli spazi adeguati per la rappresentazione ed esposizione di opere contemporanee.


Il macello di via Molise a Milano, iniziato a costruire nel 1915 in un'area ben collegata alle direttrici del traffico stradale, ferroviario e aereo, presentava nuove tecnologie, conformi alle norme igieniche del tempo per la macellazione e il trasporto delle carni. Tra il 1971 e il 1979 si era pensato ad un riutilizzo dell’area ma i progetti non hanno avuto seguito e l'intera superficie versa in stato di abbandono. Oggi solo la ASL, il Centro Sociale MACAO e l'associazione no profit HC Hors Commerce hanno in concessione alcune palazzine liberty, edifici di interesse storico protetti dal Comune di Milano. Segno della volontà dei cittadini di riappropriarsi dell'area.



Il progetto, oggetto di questa tesi, mira a ricucire quest’area alla città trasformandola in un polo creativo: luogo di vita e di cultura. L’area si trova vicina all'arteria storica che porta in linea quasi retta dal Duomo all'aeroporto di Linate, passando per luoghi di grande interesse come la Biblioteca Comunale Centrale, il Palazzo di Giustizia, la Rotonda della Besana e lo spazio verde di Largo Marinai d'Italia. E' proprio da quest'ultimo che nasce l'idea di creare un grande parco urbano "culturale", al quale si accederà da Viale Corsica.
Nell'adiacente via Monte Ortigiana, dalla quale si accede facilmente all'area dell'ex macello, era infatti prevista la Biblioteca BEIC anche se la messa in opera del progetto è oggi incerta.



Per compiere la ricucitura dell'area con il tessuto urbano, riqualificare l'assetto funzionale della mobilità e la connessione con le reti di viabilistiche, si sono analizzati i lotti circostanti, le dimensioni, il loro carattere e spazi. Sono stati analizzati inoltre alcuni lotti tipicamente milanesi per capirne le proporzioni e le diverse tipologie. Da ciò se ne conclude che l'area del Macello rappresenta un’eccezione del tessuto urbano per dimensioni e caratteristiche intrinseche.


Ecco quindi la divisione regolare dello spazio in lotti quadrati, secondo una regola che, come nel piano Cerdà di Barcellona, sia in grado di ospitare l’eccezione, in questo caso il "parco creativo" con i suoi edifici educativi, espositivi e di produzione artistica e multimediale così necessari alla città. L'edificio studiato è il Centro di Cultura Creativa comprensivo di un teatro sperimentale e una galleria espositiva con gli spazi adeguati per la rappresentazione ed esposizione di opere contemporanee.



Questo centro sfrutterà l'esistente galleria di trasporto delle carni, e reinterpreterà la sua natura di macchina da lavoro concependo tutti gli spazi come modificabili teatralmente per adattarsi alle esigenze di artisti e sceneggiatori. L'ex macello sarà uno spazio attivo e vivo per la città di Milano: luogo di espressione artistica e culturale dei suoi cittadini e artisti da tutto il mondo.

Clicca sulle immagini per vederle ingrandite.

HOME

BIOGRAFIA

CONTATTI

ARCHITETTURA:
- Artisti al Macello
- Lambrate Sport Center
- Whale Restaurant
- Un simbolo per Pemba
- Hotel Conca dei Navigli
- Residenza Chiaravalle
URBANISTICA:
- Bare Bars - Haugesund
- Idroscalo Forlanini
- South Park System

INTERNI:
- MM Milano Many Circles
- PoliMI Bovisa Monolite
WORKSHOP
- Love & Architecture
- Heaven on earth
- Ex military barraks

RESTAURO:
- Fabbrica Galbani Melzo

Chiara Loris - Architect - Via Achille Fontanelli, 3 - Milano Italy


web design by communic@ction